Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
EASL 2017
AASLD
Gastroenterologia Xagena

Malattia infiammatoria intestinale: la malattia attiva in vicinanza del concepimento aumenta il rischio di recidiva della malattia durante la gravidanza


Dati precedenti sulla recidiva di malattia intestinale infiammatoria ( IBD ) durante la gravidanza hanno origine principalmente da studi retrospettivi.
L’obiettivo di uno studio è stato (i) valutare l'effetto della malattia attiva al momento del concepimento e il tipo di malattia infiammatoria intestinale riguardo alla recidiva durante la gravidanza e (ii) studiare gli effetti della ricaduta di malattia durante la gravidanza sugli esiti della nascita in uno studio prospettico di coorte con un'adeguata rappresentanza degli attuali trattamenti.

Dal 2008 al 2014, le donne con malattia infiammatoria intestinale sono state reclutate da una coorte clinica prospettica in corso.
Tutti le pazienti con diagnosi confermata di malattia infiammatoria intestinale con un desiderio di gravidanza o di gravidanza sono state prospetticamente seguite fino alla gravidanza e al parto.

Un totale di 298 gravidanze sono stati riscontrate in 229 pazienti con malattia infiammatoria intestinale ( 157 con malattia di Crohn, 66 con colite ulcerosa, e 6 malattia infiammatoria intestinale non-classificata ), con 226 nati vivi.

La malattia attiva al momento del concepimento era fortemente associata con la recidiva durante la gravidanza ( odds ratio aggiustato, aOR=7.66, intervallo di confidenza [ IC ] 95% : 3.77-15.54 ).

Le pazienti con colite ulcerosa hanno sperimentato più spesso recidiva durante la gravidanza, rispetto alle pazienti con malattia di Crohn, indipendentemente dall'età, dal fumo, dall'attività di malattia periconcezionale, dalla precedente chirurgia per malattia infiammatoria intestinale, e dall'uso di immunosoppressori o degli antagonisti del fattore di necrosi tumorale ( TNF ) ( aOR=3.71, IC 95%: 1.86-7.40 ).

La recidiva non era associata a esiti avversi alla nascita come l'aborto spontaneo, il basso peso alla nascita, o la nascita pretermine.

Questo studio ha confermato che la malattia attiva nelle vicinanze del concepimento aumenta il rischio di ricaduta di malattia durante la gravidanza.
Inoltre, i pazienti con colite ulcerosa hanno presentato una più elevata incidenza di recidive durante la gravidanza rispetto ai pazienti con malattia di Crohn.
Gli esiti alla nascita sono stati eccellenti, e riflettono il rigoroso follow-up e il trattamento di questo gruppo di pazienti. ( Xagena2016 )

de Lima-Karagiannis A et al, Am J Gastroenterol 2016; Epub ahead of print

Gyne2016 Gastro2016



Indietro