Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Chemioradioterapia adiuvante per l’adenocarcinoma del pancreas operato


Benchè la chemioradiazione adiuvante sia comunemente utilizzata negli Stati Uniti per il trattamento del cancro pancreatico sottoposto a chirurgia, non esiste accordo sui benefici di questa terapia dal momento che i risultati degli studi clinici randomizzati sono contrastanti.

Un gruppo di ricerca del Dana Farber Cancer Institute a Boston negli Stati Uniti, ha compiuto una revisione della propria esperienza in serie consecutive e non-selezionate di pazienti trattati con terapia adiuvante a base di 5-Fluorouracile e radiazione per adenocarcinoma pancreatico sottoposto a intervento chirurgico.

Sono stati identificati 86 pazienti per il periodo 1998-2005.

Il 93% dei pazienti è stato trattato con radioterapia a fasci esterni in dose uguale o superiore a 50.4 gray, e il 91% dei pazienti ha ricevuto trattamento concomitante con 5-Fluorouracile in infusione continua.

Il 45% dei pazienti ha ricevuto trattamento adiuvante con Gemcitabina ( Gemzar ).

Il follow up mediano è stato di 31 mesi ( intervallo 21-62 mesi ) tra i 20 pazienti rimasti vivi.

Meno della metà dei pazienti ha mostrato margini di resezione positivi ( 33% ) o stretti ( inferiori a 1 mm; 15% ), l’81% dei tumori è stato identificato come T3 e il 66% dei pazienti ha mostrato un coinvolgimento linfonodale.

La sopravvivenza generale mediana per tutti i pazienti è stata di 22 mesi.

I linfonodi negativi ( P=0.016 ) sono risultati un fattore prognostico significativo per il miglioramento della sopravvivenza generale, mentre il trattamento con Gemcitabina ha mostrato una tendenza verso il miglioramento della sopravvivenza generale ( P=0.080 ).

La sopravvivenza mediana libera da malattia per tutti i pazienti è stata di 10 mesi.

Il trattamento con Gemcitabina ( P=0.044 ) e qualsiasi chemioterapia ( P=0.047 ) sono risultati predittori significativi di sopravvivenza libera da malattia.

L’87% ( n=75 ) dei pazienti ha presentato recidiva della malattia nella maggior parte dei casi con metastasi peritoneali ( 55% ) o epatiche ( 53% ).

I pazienti con linfonodi negativi hanno mostrato una tendenza verso un tasso inferiore di fallimento a distanza ( P=0.060 ).

In conclusione, la sopravvivenza mediana della coorte analizzata è risultata superiore a quella del ramo chemioradiazione degli studi EORTC ( European Organization for Research and Treatment of Cancer ) e ESPAC-1 ( European Study Group for Pancreatic Cancer ) e comparabile alla sopravvivenza osservata nel ramo chemioradiazione del Gastrointestinal Tumor Study Group ( GITSG ) .

Lo status dei linfonodi e il trattamento con chemioterapia adiuvante sono risultati predittori significativi, rispettivamente, di sopravvivenza generale e di sopravvivenza libera da malattia.
Futuri miglioramenti della sopravvivenza dovrebbero puntare a ridurre le metastasi peritoneali ed epatiche.
Sono necessari ulteriori studi per definire il ruolo della terapia adiuvante nell’adenocarcinoma pancreatico. ( Xagena2009 )

Hattangadi JA et al, Cancer 2009; 115: 3640-3650


Gastro2009 Farma2009 Onco2009


Indietro