Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto a lungo termine dell’Aspirina su incidenza di carcinoma colorettale e mortalità


Un'alta dose di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) ( maggiore o uguale a 500 mg al giorno ) riduce l'incidenza a lungo termine del tumore del colon e del retto, ma gli effetti avversi potrebbero limitarne il potenziale per la prevenzione nel lungo periodo.

L'efficacia a lungo termine di dosi inferiori di Acido Acetilsalicilico ( 75-300 mg al giorno ) non è nota.

Sono stati valutati gli effetti di Aspirina su incidenza e mortalità dovuta a tumore colorettale in relazione a dose, durata del trattamento e sito del tumore.

Sono stati seguiti 4 studi randomizzati su Aspirina versus controllo nella prevenzione primaria ( Thrombosis Prevention Trial, British Doctors Aspirin Trial ) e secondaria ( Swedish Aspirin Low Dose Trial, UK-TIA Aspirin Trial ) di eventi vascolari e uno studio su dosi differenti di Aspirina ( Dutch TIA Aspirin Trial ) ed è stato stabilito l'effetto dell’Aspirina sul rischio di carcinoma del colon e del retto in 20 anni durante e dopo gli studi con analisi cha hanno accorpato dati di pazienti singoli.

Nei 4 studi di Aspirina versus controllo ( durata media del trattamento programmato 6.0 anni ), 391 ( 2.8% ) dei 14.033 pazienti hanno sviluppato carcinoma colorettale in un periodo mediano di follow-up di 18.3 anni.

L'assegnazione al gruppo Aspirina ha ridotto il rischio a 20 anni di cancro del colon ( hazard ratio per l'incidenza [ HR ] 0.76, p=0.02; HR per la mortalità 0.65, p=0.005 ), ma non di quello rettale ( 0.90, p=0.58; 0.80, p=0.35 ).

Nei casi in cui erano disponibili informazioni più dettagliate sul sito del tumore, è emerso che l’Aspirina ha ridotto il rischio di cancro del colon prossimale ( 0.45, p=0.001; 0.34, p=0.001 ), ma non del colon distale ( 1.10, p=0.66; 1.21, p=0.54; p per differenza nell'incidenza: 0.04, per differenza di mortalità p=0.01 ).

Tuttavia, il beneficio è aumentato con la durata fissata per il trattamento, tanto che l'assegnazione al gruppo Aspirina per 5 o più anni ha ridotto il rischio di carcinoma del colon prossimale di circa il 70% ( 0.35; 0.24; entrambi i p inferiori a 0.0001 ) e ha inoltre ridotto il rischio di carcinoma rettale ( 0.58, p=0.02; 0.47, p=0.01 ).

Non è stato osservato un aumento del beneficio a dosi di Aspirina superiori a 75 mg al giorno, con una riduzione assoluta di 1.76% ( p=0.001 ) nel rischio a 20 anni di qualsiasi carcinoma colorettale dopo un trattamento programmato di 5 anni con 75-300 mg al giorno.

Tuttavia, il rischio di tumore del colon-retto fatale è risultato più alto con 30 mg versus 283 mg al giorno nel follow-up a lungo termine del Dutch TIA trial ( odds ratio, OR=2.02, p=0.15 ).

In conclusione, l’Aspirina assunta per diversi anni alla dose di almeno 75 mg al giorno ha ridotto l'incidenza a lungo termine e la mortalità legate a carcinoma colorettale.
Il beneficio è risultato maggiore per i tumori del colon prossimale, che non sono prevenuti in modo efficace con gli screening con sigmoidoscopia o colonscopia. ( Xagena2010 )

Rothwell PM et al, Lancet 2010; 376: 1741-1750



Gastro2010 Onco2010 Farma2010


Indietro