Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto dell’integrazione con Vitamina D3 a dose elevata versus dose standard sulla sopravvivenza libera da progressione tra i pazienti con tumore del colon-retto avanzato o metastatico: studio SUNSHINE


Negli studi osservazionali, livelli plasmatici più alti di 25-Idrossivitamina D ( 25-OH-D ) sono stati associati a una migliore sopravvivenza nel tumore del colon-retto metastatico.

Si è determinato se la Vitamina D3 ad alte dosi aggiunta alla chemioterapia standard migliori gli esiti nei pazienti con carcinoma colorettale metastatico nello studio clinico randomizzato di fase 2 in doppio cieco SUNSHINE, condotto su 139 pazienti con tumore del colon-retto avanzato o metastatico presso 11 Centri statunitensi accademici e per la cura dei tumori dal 2012 al 2016.

Sono stati somministrati mFOLFOX6 più chemioterapia a base di Bevacizumab ogni 2 settimane e Vitamina D3 ad alte dosi ( n=69 ) o Vitamina D3 a dosi standard ( n=70 ) ogni giorno fino a progressione della malattia, tossicità intollerabile o revoca del consenso.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ). Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la variazione del livello di 25-OH-D nel plasma.

Tra i 139 pazienti ( età media, 56 anni; 60 donne, 43% ) che hanno completato o sospeso la chemioterapia e la Vitamina D3 ( follow-up mediano, 22.9 mesi ), la PFS mediana con la Vitamina D3 ad alte dosi è stata di 13.0 mesi ( 49 eventi PFS ) versus 11.0 mesi ( 62 eventi PFS ) per la dose standard di Vitamina D3 ( log-rank P=0.07 ); l’hazard ratio multivariabile per PFS o morte 0.64 ( P=0.02 ).

Non ci sono state differenze significative tra Vitamina D3 a dose elevata e dose standard per il tasso di risposta obiettiva tumorale ( 58% vs 63%, rispettivamente; differenza, -5%, P=0.27 ) o sopravvivenza globale ( mediana, 24.3 mesi vs 24.3 mesi; log-rank P=0.43 ).

Il livello mediano di 25-OH-D al basale per la Vitamina D3 ad alte dosi è stato pari a 16.1 ng/ml versus 18.7 ng/ml per la Vitamina D3 a dose standard ( differenza, -2.6 ng/ml, P=0.30 ); alla prima ristadiazione, 32.0 ng/ml vs 18.7 ng/ml ( differenza, 12.8 ng/ml, P minore di 0.001 ); alla seconda ristadiazione, 35.2 ng/ml vs 18.5 ng/ml ( differenza, 16.7 ng/ml, P minore di 0.001 ); e alla sospensione del trattamento, 34.8 ng/ml vs 18.7 ng/ml ( differenza, 16.2 ng/ml, P minore di 0.001 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore per la chemioterapia più la dose elevata rispetto alla dose standard di Vitamina D3 sono stati neutropenia ( n=24, 35%, vs n=21, 31%, rispettivamente ) e ipertensione ( n=9, 13%, vs n=11, 16% ).

Tra i pazienti con carcinoma colorettale metastatico, l'aggiunta di Vitamina D3 ad alte dosi, rispetto alla vitamina D3 a dosi standard, alla chemioterapia standard ha determinato una differenza nella sopravvivenza mediana senza progressione che non è stata statisticamente significativa, ma con un hazard ratio significativamente migliorato.
Questi risultati giustificano un'ulteriore valutazione in uno studio clinico randomizzato multicentrico più ampio. ( Xagena2019 )

Ng K et al, JAMA 2019; 321: 1370-1379

Gastro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro