Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Effetto dell’integrazione di Vitamina-D sulla sopravvivenza senza ricaduta tra i pazienti con tumore del tratto digerente


Sono necessari studi clinici randomizzati sull’integrazione della Vitamina-D per la prevenzione secondaria nei pazienti oncologici, dati i risultati positivi degli studi osservazionali.

Si è determinato se l’integrazione postoperatoria di Vitamina D3 possa migliorare la sopravvivenza dei pazienti affetti da tumori del tratto digerente complessivi e nei sottogruppi stratificati per i livelli di 25-Idrossivitamina D ( 25-OH-D ).

AMATERASU, uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto in un singolo ospedale universitario in Giappone, ha completato il follow-up nel 2018.
Sono stati reclutati pazienti di età compresa tra 30 e 90 anni con tumori del tratto digerente dall'esofago al retto, fasi da I a III.
Dei 439 pazienti eleggibili, 15 si sono rifiutati e 7 sono stati esclusi dopo l'intervento.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere capsule orali di Vitamina-D ( 2.000 UI/die; n=251 ) o placebo ( n=166 ) dalla prima visita ambulatoriale postoperatoria fino alla fine della sperimentazione.

L'esito primario era il tempo di sopravvivenza privo di recidiva alla recidiva o alla morte. L'esito secondario era il tempo di sopravvivenza globale fino alla morte per qualsiasi causa.

I sottogruppi analizzati avevano livelli sierici al basale di 25-OH-D da 0 a meno di 20 ng/m, da 20 a 40 ng/ml e superiori a 40 ng/ml; a causa delle dimensioni ridotte del campione per il gruppo con livello di base più alto, le interazioni sono state testate solo tra i gruppi a livello basale basso e medio.

Tutti i 417 pazienti randomizzati ( età media, 66 anni, maschi, 66%, tumore esofageo, 10%, tumore gastrico, 42%, tumore del colon-retto, 48% ) sono stati inclusi nelle analisi.

Il follow-up è stato del 99.8% su una mediana di 3.5 anni, con un follow-up massimo di 7.6 anni.
Recidiva o morte si sono verificate in 50 pazienti ( 20% ) randomizzati a vitamina D e 43 pazienti ( 26% ) randomizzati a placebo.

La morte si è verificata in 37 persone ( 15% ) nel gruppo Vitamina-D e in 25 ( 15% ) nel gruppo placebo.

La sopravvivenza libera da recidive a 5 anni è stata del 77% con Vitamina-D versus 69% con placebo ( hazard ratio, HR per recidiva o morte, 0.76, P=0.8 ).

La sopravvivenza globale a 5 anni nei gruppi trattati con Vitamina-D versus placebo è stata dell'82% vs 81% ( HR per la mortalità, 0.95, P=0.83 ).

Nel sottogruppo di pazienti con livelli basali sierici di 25-OH-D tra 20 e 40 ng/ml, la sopravvivenza libera da recidive a 5 anni è stata dell'85% con Vitamina-D rispetto al 71% con placebo ( HR per recidiva o morte, 0.46; P=0.02; P=0.04 per l'interazione ).

Le fratture si sono verificate in 3 pazienti ( 1.3% ) nel gruppo Vitamina-D e in 5 ( 3.4% ) nel gruppo placebo.

I calcoli urinari si sono verificati in 2 pazienti ( 0.9% ) nel gruppo Vitamina-D e 0 nel gruppo placebo.

Tra i pazienti con tumore del tratto digerente, l’integrazione di Vitamina-D, rispetto al placebo, non ha comportato un significativo miglioramento della sopravvivenza libera da recidiva a 5 anni. ( Xagena2019 )

Urashima M et al, JAMA 2019; 321: 1361-1369

Gastro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro