Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Efficacia di tre diversi dosaggi di Esomeprazolo nella gestione a lungo termine della malattia da reflusso


La malattia da reflusso gastroesofageo ( MRGE ) è una condizione cronica che di solito richiede la terapia di mantenimento a lungo termine con inibitori della pompa protonica ( PPI ).
Nella pratica clinica, i pazienti ricevono i farmaci PPI al dosaggio più basso per controllare i sintomi. Tuttavia, non è noto se questo approccio controlla adeguatamente il reflusso acido esofageo.

Ricercatori del Athens Naval Hospital in Grecia, hanno esaminato l'efficacia di tre diversi dosaggi di Esomeprazolo ( Nexium ) nei pazienti trattati con terapia di mantenimento per MRGE, utilizzando il monitoraggio del pH mediante il sistema Bravo.

I pazienti con una precedente storia di esofagite erosiva A o B ( classificazione LA ) che erano guariti, al momento dell'arruolamento o con malattia da reflusso negativa all’endoscopia ( ENRD ), sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la terapia di mantenimento con Esomeprazolo 40 mg due volte al giorno ( gruppo A ), Esomeprazolo 40 mg una volta al giorno ( gruppo B ), Esomeprazolo 40 mg a giorni alterni ( gruppo C ).

Il pH intraesofageo è stato monitorato per due giorni consecutivi con il sistema senza fili ( wireless ) Bravo, 30 giorni dopo la randomizzazione.

I parametri che sono stati sottoposti ad analisi erano: la percentuale del tempo totale con pH inferiore a 4 e il punteggio De Meester.

L’analisi finale ha riguardato i risultati di pH di 73 pazienti ( gruppo A n=24, gruppo B n=24, gruppo C n=25 pazienti ).

Al primo giorno dello studio, la media percentuale del tempo totale a pH inferiore a 4 e il punteggio De Meester sono stati, rispettivamente: 0.9 e 4.1 ( gruppo A ); 1.5 e 7.0 ( gruppo B ); 1.3 e 6.0 ( gruppo C ) ( P=0.262 e P=0.134 ).

Al secondo giorno, i valori corrispondenti sono stati. rispettivamente: 0.7 e 3.9 ( gruppo A ); 1.5 e 6.4 ( gruppo B ); 7.0 e 29.4 ( gruppo C ).

La differenza è risultata statisticamente significativa ( P inferiore a 0.0001 e inferiore a 0.0001, rispettivamente ).

Un'ulteriore analisi ha mostrato che i pazienti non-trattati con inibitori della pompa protonica hanno presentato una percentuale media di tempo totale a pH inferiore a 4 e del punteggio De Meester, significativamente più alti, rispetto ai pazienti in trattamento con farmaci PPI una volta o due volte al giorno ( p inferiore a 0.001 e inferiore a 0.001, rispettivamente ).

Dallo studio è emerso che la somministrazione di Esomeprazolo 40 mg a giorni alterni non-controlla il reflusso acido esofageo nel giorno libero da inibitori della pompa protonica.
L’Esomeprazolo 40 mg una volta al giorno controlla in modo efficace il reflusso di acido nei pazienti con storia di esofagite di grado lieve o reflusso esofageo negativo all’endoscopia, mentre il raddoppio della dose non sembra conferire alcun ulteriore vantaggio. ( Xagena2010 )

Vasiliadis KV et al, Am J Gastroenterol 2010, 105: 308-313


Gastro2010 Farma2010


Indietro