Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

I pazienti con epatite a maggior rischio di linfoma non-Hodgkin


I pazienti con epatite, in particolare quelli con epatite B, possono essere ad aumentato rischio di sviluppare linfoma non-Hodgkin.

I ricercatori hanno eseguito uno studio trasversale sulla base di informazioni riguardanti 1.055.912 pazienti presenti nel database National Impatient Sample nel periodo 2005-2009.
La coorte esaminata comprendeva 479.661 pazienti con infezione da virus HCV ( epatite C ) e 48.295 pazienti con infezione da virus HBV ( epatite B ).
E’ stata calcolata l’incidenza di linfoma non-Hodgkin ( NHL ) tra i pazienti con epatite, e confrontata con quella dei pazienti senza epatite.

L'analisi univariata ha indicato che il linfoma non-Hodgkin era più comune tra i pazienti con infezione da HBV ( 2.1% dei pazienti rispetto al 0.82% dei pazienti con infezione da HCV e 0.65% tra i pazienti senza epatite, P inferiore a 0.001 per differenza ).

L'analisi multivariata ha identificato un'associazione indipendente tra epatite e rischio di linfoma di Hodgkin, con l'associazione più evidente tra i pazienti con epatite-B ( odds ratio, OR=3.32 per HBV e OR=1.23 per HCV, P inferiore a 0.001 per entrambi ).

Anche l'età avanzata è risultata associata a rischio di linfoma ( OR=1.45 per i pazienti di età compresa tra 44 e 53 anni, OR=1.86 per quelli di età compresa tra 54 e 65, e OR=2.07 per quelli di età superiore a 65 anni ).
Associazioni inverse sono state osservate tra linfoma non-Hodgkin e il sesso femminile ( OR=0.57 ) e la razza nera ( OR=0.75 ) ( P inferiore a 0.001 per tutti ). ( Xagena2012 )

Fonte: American Association for the Study of Liver Disease ( AASLD ) Meeting, 2012


Gastro2012 Inf2012 Emo2012 Onco2012



Indietro