Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Inibitori della pompa protonica associati a una minore densità ossea trabecolare negli anziani


Gli inibitori della pompa protonica sono altamente efficaci nel trattamento di condizioni patologiche del tratto gastrointestinale superiore acido-correlate e stanno rapidamente diventando uno dei trattamenti più frequentemente prescritti in adulti o anziani.

Dati recenti hanno mostrato che l'uso a lungo termine degli inibitori della pompa protonica nei soggetti anziani è associato ad importanti effetti indesiderati, tra cui un più alto rischio di fratture osteoporotiche.
I meccanismi di questa associazione non sono chiari e la relazione tra l'uso di inibitori della pompa protonica e i parametri di massa ossea e geometria ossea non è mai stata completamente esplorata.

Uno studio ha esaminato il rapporto tra l'uso cronico di inibitori della pompa protonica e i parametri di massa ossea ( densità minerale ossea corticale e trabecolare, vBMDc e vBMDt ) e la geometria ossea ( area della sezione trasversale corticale e trabecolare, tCSA e cCSA ) in individui anziani.

La popolazione in studio consisteva di 1.038 soggetti ( 452 uomini e 586 donne ) di 65 anni o più anziani, selezionati dallo studio InCHIANTI, con informazioni complete sulla tomografia computerizzata eseguita a livello tibiale ( pQCT ) e sui farmaci.
I partecipanti sono stati classificati come utilizzatori di inibitori della pompa protonica e non-utilizzatori sulla base di auto-segnalazione di utilizzo degli inibitori della pompa protonica negli ultimi 15 giorni; gli utilizzatori di inibitori della pompa protonica ( 36 soggetti, 14 uomini e 22 donne ) hanno rappresentato il 3.4% della popolazione in studio ( età media 75.7 anni ).

La relazione tra uso di inibitori della pompa protonica e parametri ossei ricavati dalla tomografia computerizzata a livello della tibia è stata testata aggiustando per età, sesso e diversi fattori clinici e/o variabili confondenti, se del caso ( età, sesso, indice di massa corporea [ BMI ], apporto calorico, somatomedina C [ IGF-1; fattore di crescita insulino-simile 1 ], IL-6 [ interleuchina-6 ], calcio, estradiolo, testosterone biodisponibile, vitamina D, ormone paratiroideo, area muscolare trasversale e livello di attività fisica ).

Gli utilizzatori di inibitori della pompa protonica hanno mostrato densità minerale ossea trabecolare aggiustata per età e sesso inferiore rispetto ai non-utilizzatori ( 180.5 vs 207.9, P=0.001 ).

L'associazione inversa tra uso di inibitori della pompa protonica e densità minerale ossea trabecolare è rimasto quasi invariato dopo aggiustamento per fattori confondenti multipli.

Non c'è stata differenza statisticamente significativa nella densità minerale ossea corticale, nell’area della sezione trasversale corticale e trabecolare tra gli utilizzatori di inibitori della pompa protonica e i non-utilizzatori.

In comunità di anziani, l'uso di inibitori della pompa protonica è risultato inversamente associato alla densità minerale ossea trabecolare, un marcatore precoce del processo osteoporotico.

Questi risultati hanno indicato che l'uso di inibitori della pompa protonica potrebbe aumentare il rischio di fratture nei soggetti anziani attraverso i suoi effetti negativi sul tessuto osseo trabecolare. ( Xagena2013 )

Maggio M et al, Bone 2013; 57: 437-442

Endo2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro