Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Lubiprostone per costipazione indotta da oppioidi nel dolore cronico non-oncologico


Uno studio multicentrico di fase 3 ha valutato Lubiprostone ( Amitiza ) orale per la costipazione associata a oppioidi diversi da Metadone in pazienti con dolore cronico non-oncologico.

Adulti con costipazione indotta da oppioidi ( meno di 3 movimenti intestinali spontanei alla settimana ) sono stati randomizzati in doppio cieco a Lubiprostone 24 mcg oppure a placebo due volte al giorno per 12 settimane.

L'end point primario era il tasso di risposta globale correlato a movimenti intestinali spontanei.
I responder presentavano almeno una moderata risposta ( miglioramento di 1 o più movimenti intestinali spontanei sulla frequenza basale ) in tutte le settimane di trattamento con i dati osservati disponibili, così come una risposta completa ( 3 o più movimenti intestinali spontanei alla settimana ) per almeno 9 delle 12 settimane di trattamento.

In totale, sono stati randomizzati 431 pazienti; 212 hanno ricevuto Lubiprostone e placebo e 7 non sono stati trattati.

Complessivamente, il tasso di risposta correlato a movimenti intestinali spontanei è risultato significativamente più alto nei pazienti trattati con Lubiprostone rispetto al placebo ( 27.1% vs 18.9%, rispettivamente; P=0.030 ).

In generale, la variazione media dal basale nella frequenza dei movimenti intestinali spontanei è risultata significativamente maggiore con Lubiprostone rispetto al placebo ( 3.2 vs 2.4, rispettivamente; P=0.001 ).

Il tempo mediano al primo movimento intestinale spontaneo è stato significativamente più breve con Lubiprostone rispetto al placebo ( 23.5 vs 37.7 ore, rispettivamente; P=0.004 ).

Rispetto al placebo, i pazienti trattati con Lubiprostone hanno mostrato miglioramenti significativi nello sforzo intenso e prolungato ( P=0.004 ), nella consistenza delle feci ( P minore di 0.001 ) e nella gravità della costipazione ( P=0.010 ).

Non sono state osservate differenze significative in termini di qualità di vita o nell'uso di farmaci di salvataggio; tuttavia, la percentuale di pazienti che hanno utilizzato farmaci di salvataggio è stata costantemente inferiore nel gruppo Lubiprostone rispetto al gruppo placebo al mese 1 ( 34.9% vs 37.7% ), mese 2 ( 23.4% vs 26.6% ) e mese 3 ( 20.5% vs 22.0% ).

Gli eventi avversi superiori al 5% sono stati diarrea, nausea, vomito e dolore addominale ( Lubiprostone: 11.3%, 9.9%, 4.2% e 7.1%, rispettivamente; placebo, 3.8%, 4.7%, 5.2% e 0%, rispettivamente ).
Nessuno dei gravi eventi avversi ( Lubiprostone, 3.3%; placebo, 2.8% ) è risultato collegato a Lubiprostone.

In conclusione, Lubiprostone ha migliorato significativamente i sintomi della costipazione indotta da oppioidi ed è stato ben tollerato nei pazienti con dolore cronico non-oncologico. ( Xagena2015 )

Mazen Jamal M et al, Am J Gastroenterol 2015; 110: 725-732

Gastro2015 Farma2015


Indietro