Colifagina S
Gastrobase.it
Xagena Mappa
Gastroenterologia Xagena

Prevalenza dei sintomi di sindrome dell'intestino irritabile nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale in remissione


I pazienti con malattia infiammatoria intestinale ( IBD ) spesso riferiscono sintomi compatibili con la sindrome dell'intestino irritabile ( IBS ), che potrebbe avere un effetto sulla salute psicologica.
Tuttavia, le precedenti stime sull'entità di questo problema non hanno tenuto conto dell'infiammazione in corso come potenziale causa.

È stata aggiornata una precedente revisione sistematica e una meta-analisi per determinare la prevalenza dei sintomi di tipo sindrome dell'intestino irritabile nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale in remissione per quantificare meglio l'entità di questo problema.

In questa revisione sistematica e meta-analisi, sono stati cercati studi prospettici caso-controllo o trasversali dal 2012 al 2020 che riportassero la prevalenza dei sintomi che soddisfacevano i criteri diagnostici per sindrome dell'intestino irritabile negli adulti con malattia infiammatoria intestinale in remissione.

Gli studi dovevano aver reclutato una popolazione adulta non-selezionata ( più del 90% dei partecipanti di età maggiore o uguale a 16 anni ) con malattia infiammatoria intestinale confermata istologicamente o radiologicamente e includere almeno 50 partecipanti.
La prevalenza aggregata e gli odds ratio ( OR ) sono stati calcolati in base alla definizione di remissione, ai criteri utilizzati per definire i sintomi di tipo sindrome dell'intestino irritabile e al tipo di malattia infiammatoria intestinale.

Dei 3.370 studi identificati, 27 erano eleggibili, di cui 18 di nuova identificazione. Tra 3.169 pazienti con malattia infiammatoria intestinale in remissione, la prevalenza aggregata dei sintomi di tipo sindrome dell'intestino irritabile era del 32.5% ( I2=90.1% ).

La prevalenza era inferiore quando la remissione era stata definita dalla valutazione endoscopica ( 23.5%, I2=59.9% ) o dalla valutazione istologica ( 25.8%, I2=non-applicabile ) rispetto alla definizione in base all'indice di attività della malattia clinica convalidato ( 33.6%, I2=91.8% ) e maggiore nella malattia di Crohn rispetto alla colite ulcerosa ( 36.6%, I2=82.9% vs 28.7%, I2=87.2% ).

I punteggi di ansia ( WMD 2.5 ) e depressione ( SMD 0.64 ) sono stati significativamente più alti tra coloro che hanno riportato sintomi di tipo sindrome dell'intestino irritabile rispetto a quelli che non li hanno riportati.

La prevalenza dei sintomi compatibili con sindrome dell'intestino irritabile nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale è variata a seconda di come veniva definita la remissione.
Tuttavia, anche quando sono stati utilizzati criteri rigorosi come la remissione endoscopica o istologica, circa un quarto dei pazienti ha riportato questi sintomi.
Tali sintomi sono stati più comuni nei pazienti con malattia di Crohn e sono stati associati a comorbilità psicologica.
Affrontare il benessere psicologico potrebbe migliorare i risultati in questo specifico gruppo di pazienti. ( Xagena2020 )

Fairbrass KM et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2020; 5: 1053-1062

Gastro2020



Indietro