Colifagina S
Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Ruolo delle strategie di mantenimento nel tumore del colon-retto metastatico


Nel tumore colorettale metastatico, la chemioterapia combinata di induzione con un agente mirato è considerata il cardine del trattamento.
Molteplici studi clinici randomizzati hanno esaminato diverse strategie di continuazione della terapia citotossica fino a progressione rispetto a un periodo di osservazione o all'uso di vari agenti di mantenimento.

Tuttavia, questi studi clinici randomizzati hanno mostrato risultati di efficacia incostanti che rendono difficile trarre conclusioni su quale strategia sia preferita.
Pertanto, una meta-analisi di rete è utile per confrontare diversi agenti tra studi clinici randomizzati.

È stata valutata l'efficacia comparativa di diverse strategie di trattamento per i pazienti con tumore colorettale metastatico in studi clinici randomizzati che hanno valutato strategie diverse per pazienti con tumore colorettale metastatico non-trattato in precedenza.

Gli studi di interesse hanno incluso pazienti con tumore del colon-retto metastatico trattati inizialmente con chemioterapia citotossica ( con o senza un agente biologico ) passati poi a una delle seguenti strategie: osservazione; mantenimento con Bevacizumab ( Avastin ), fluoropirimidina ( FP ) o entrambi ( FP + Bevacizumab ); o regime di induzione continuato fino a progressione.

Gli esiti di interesse includevano la sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).
Gli agenti sono stati classificati utilizzando la superficie sotto la curva di classificazione cumulativa ( SUCRA ). Punteggi SUCRA più alti corrispondevano a una maggiore efficacia.

Sono stati inclusi dodici studi a basso rischio di bias ( 5.540 pazienti; fascia di età, 23-85 anni; 64.4% maschi ).

La meta-analisi di rete non ha mostrato alcun beneficio nel continuare la chemioterapia citotossica completa fino a progressione rispetto all'osservazione in termini di sopravvivenza libera da progressione ( hazard ratio, HR=0.71 ) e sopravvivenza globale ( HR=0.95 ).

Rispetto all'osservazione, la terapia di mantenimento ha mostrato un beneficio in termini di sopravvivenza libera progressione ( HR=0.58 ) ma non un beneficio in termini di sopravvivenza globale ( HR=0.91 ).
Tutte le strategie di mantenimento ( FP, FP + Bevacizumab, e Bevacizumab ) hanno mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da progressione, rispetto all'osservazione.

Nell'analisi SUCRA, il trattamento di mantenimento ( FP o FP + Bevacizumab ) ha avuto la più alta probabilità di ottenere una migliore sopravvivenza libera da progressione ( 67.1% per FP, 99.8% per FP + Bevacizumab e 36.5% per Bevacizumab ) e sopravvivenza globale ( 81.3% per FP, 73.2% per FP + Bevacizumab e 32.6% per Bevacizumab ).

Per i pazienti con carcinoma del colon-retto metastatico, non c'è alcun beneficio nel continuare il regime di induzione completo fino a progressione, senza un periodo di osservazione o un trattamento di mantenimento.

È preferibile una strategia di mantenimento con una fluoropirimidina, con o senza l'aggiunta di Bevacizumab.
Tuttavia, data la mancanza di un chiaro vantaggio di sopravvivenza globale, il processo decisionale condiviso dovrebbe includere l'osservazione come alternativa accettabile. ( Xagena2020 )

Sonbol MB et al, JAMA Oncol 2020; 6(3):e194489. doi: 10.1001/jamaoncol.2019.4489

Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro