Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia di prima linea nel cancro metastatico del colon e del retto negli anziani: associazione Capecitabina e Bevacizumab


La terapia di combinazione di prima linea a base di Bevacizumab ( Avastin ) e Capecitabina ( Xeloda ) può risultare efficace nel cancro metastatico del colon-retto nei pazienti più anziani naive al trattamento ( pazienti mai trattati ).

Lo studio prospettico di fase III AVEX ( Avastin in Elderly with Xeloda ) ha valutato la terapia di combinazione rispetto alla Capecitabina da sola come trattamento di prima linea per il carcinoma metastatico del colon-retto.
E’ emerso che i pazienti di 70 anni o più hanno migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione, se trattati con l’associazione Capecitabina e Bevacizumab.

La terapia di combinazione ha migliorato il tasso di risposta complessiva (19.3% versus 10%, P=0.042 ).
La sopravvivenza globale mediana tendeva ad essere maggiore nei pazienti che hanno ricevuto l’associazione ( 20.7 versus 16.8 mesi ) ( P=0.182 ).

Lo studio AVEX ha testato la sicurezza e l'efficacia della terapia di prima linea con Capecitabina e Bevacizumab in una popolazione di 280 pazienti naive al trattamento di 70 anni di età o più anziani con carcinoma metastatico del colon-retto in 10 Paesi.
Questo è il primo studio di fase III che ha valutato in modo prospettico l'uso di un farmaco biologico ( Bevacizumab ) in una popolazione più anziana con tumore metastatico del colon e del retto.

I partecipanti sono stati assegnati a ricevere 7.5 mg/kg di Bevacizumab e 1000 mg/m2 di Capecitabina ( n=140 ), o 1000 mg/m2 di Capecitabina da sola ( n=140 ).

Gli endpoint dello studio comprendevano la sopravvivenza libera da progressione, la sopravvivenza generale, il tasso di risposta complessiva e la sicurezza.

Lo studio non era in grado di mostrare una differenza nella sopravvivenza generale.

I pazienti avevano un'età media di 76 anni al momento dell'arruolamento e un performance status ECOG di 0 o 1.

La terapia di combinazione è stata associata a una prolungata sopravvivenza libera da progressione, ha migliorato significativamente il tasso di risposta complessiva e ha mostrato un trend verso una più lunga sopravvivenza globale rispetto alla sola Capecitabina.
Il tasso di controllo della malattia è risultato superiore nel gruppo trattamento combinato rispetto alla monoterapia ( 74.3% vs 57.9%, P=0.005 ).

I tassi degli eventi avversi sono risultati simili tra i due gruppi ( 95.5% per la terapia di combinazione vs 95.6% per la monoterapia ).
Gli eventi avversi di grado 3 o 4 sono risultati più comuni nel gruppo terapia di combinazione rispetto al gruppo in monoterapia ( 59% vs 44.1%, rispettivamente ).
Gli eventi avversi di grado 5, invece, sono risultati più comuni nei pazienti trattati con la sola Capecitabina ( 8.2% vs 11.8% ). ( Xagena2013 )

Fonte: Gastrointestinal Cancers Symposium, 2013



Onco2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro