Mediexplorer
Ematologia.net
OncoGinecologia.net

Efficacia di uno stent di metallo con valvola antireflusso di nuova concezione per ridurre il reflusso duodenobiliare nei pazienti con ostruzione biliare maligna distale non-resecabile


Nei pazienti con ostruzione biliare maligna ( MBO ) distale non-resecabile, il drenaggio biliare endoscopico utilizzando stent metallici auto-espandibili ( SEMS ) è un trattamento palliativo ben definito.
Tuttavia, il posizionamento di un SEMS attraverso la papilla duodenale maggiore induce reflusso del contenuto duodenale.

È stata valutata la pervietà dello stent e il reflusso duodenobiliare causato da un SEMS di nuova concezione con una valvola antireflusso ( ARV ) del tipo manica a vento, a confronto con un SEMS convenzionale coperto ( cSEMS ) in pazienti con ostruzione biliare maligna.

Tra il 2013 e il 2014, 77 pazienti con ostruzione biliare maligna distale non-resecabile sono stati assegnati in modo casuale a un gruppo di trattamento con stent di metallo con valvola antireflusso ( ARVMS, n=39 ) o a un gruppo con cSEMS convenzionale ( n=38 ).

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a un esame con ingestione di Bario per valutare il reflusso di Bario in SEMS e nei dotti biliari intraepatici.

L'esito primario era la durata della pervietà dello stent.
Gli esiti secondari erano i tassi di successo tecnico e clinico, il reflusso duodenobiliare all'esame con il pasto di Bario, i fattori che hanno causato la disfunzione dello stent, la sopravvivenza globale dei pazienti e gli eventi avversi.

Il posizionamento dello stent è stato tecnicamente un successo in tutti i pazienti.
Le percentuali di successo clinico non erano statisticamente differenti tra i gruppi ARVMS e cSEMS ( 97.4% vs 97.4%, P=1.000 ).

Il reflusso complessivo di Bario è risultato significativamente più basso nel gruppo ARVMS rispetto al gruppo cSEMS ( 7.7% vs 100%, P minore di 0.001 ).

La durata complessiva della pervietà dello stent è stata significativamente più lunga nel gruppo ARVMS rispetto al gruppo cSEMS ( mediana 407 giorni vs 220 giorni; P=0.013 ).

All'analisi multivariata, il reflusso duodenobiliare completo ( odds ratio, OR=5.7; P=0.004 ) e il cancro dell’ampolla ( OR=8.98, P=0.012 ) sono stati identificati come fattori di rischio indipendenti per la disfunzione dello stent.

Non vi è stata alcuna differenza significativa tra i due gruppi nella sopravvivenza globale dei pazienti o nell'incidenza di eventi avversi.

In conclusione, lo stent di metallo con valvola antireflusso, di nuova concezione, sembra avere una durata superiore nella pervietà dello stent e una sicurezza comparabile rispetto allo stent di metallo auto-espandibile coperto.
Inoltre, il reflusso duodenobiliare correlato alla disfunzione dello stent può essere impedito efficacemente con lo stent di metallo con valvola antireflusso.
Ulteriori studi randomizzati e controllati con un gran numero di soggetti potranno confermare il beneficio degli stent di metallo con la funzione antireflusso. ( Xagena2016 )

Lee YN et al, Gastrointest Endosc 2016; 83: 404-412

Gastro2016 Onco2016



Indietro