Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Agonisti del recettore GC-C: sicurezza ed efficacia della Plecanatide nel trattamento della stipsi cronica idiopatica


Uno studio multicentrico ha dimostrato l’efficacia della Plecanatide, un nuovo farmaco che mima gli effetti di un peptide che regola i liquidi gastrointestinali, negli adulti con stipsi cronica idiopatica.
Tra i 951 pazienti che hanno preso parte allo studio, il 21.5% di quelli trattati con 3 mg al giorno di Plecanatide ha risposto al trattamento per almeno 9 settimane su 12, rispetto al 11.5% di quelli trattati con placebo ( p=0.003 ).
Inoltre, il tasso di risposta durevole, cioè la risposta favorevole durante 3 delle ultime 4 settimane di trattamento, è stata del 19% tra i pazienti nel gruppo di trattamento, rispetto al 10.7% di quelli del gruppo placebo ( p=0.009 ).

La Plecanatide è un agonista del recettore del guanilato-ciclasi C ( GC-C ) con effetti simili a quelli del peptide natriuretico uroguanilina in quanto può indurre la secrezione di liquido nel lume del tratto gastrointestinale e di conseguenza aumentare la motilità.

Sono stati arruolati nello studio di fase II, i pazienti che hanno incontrato i criteri di Roma III modificati per la costipazione idiopatica cronica, e che avevano meno di tre movimenti intestinali spontanei completi a settimana.

I partecipanti sono stati assegnati a ricevere placebo o Plecanatide alle dosi di 0.3, 1 o 3 mg al giorno per 3 mesi.
La risposta è stata definita come 3 o più movimenti intestinali spontanei completi a settimana, e un aumento di almeno 1 rispetto al basale.

L’età media dei partecipanti era di 47 anni, e per l’87% erano donne.

Un totale di 738 pazienti ha completato lo studio. Motivi per l’interruzione dallo studio hanno incluso eventi avversi nel 4.9% e mancanza di efficacia nel 5.4%.

La percentuale di responder per almeno 9 settimane su 12 è stata più bassa nei gruppi 0.3 mg e 1 mg ( rispettivamente, 19% e 17.2% ), ma la dose più bassa è risultata ancora significativa rispetto al placebo ( P inferiore a 0.05 ).

Il tempo medio fino ai primi movimenti intestinali spontanei completi è stato: placebo, 27.3 ore; Plecanatide: 0.3 mg, 21 ore ( P inferiore a 0.01 ), 1 mg, 21.3 ore ( P inferiore a 0.01 ), 3 mg, 12.5 ore ( P inferiore a 0.001 ).

I pazienti nel gruppo 3 mg anche riferito significativi cambiamenti nei punteggi di sforzo alla evacuazione, rispetto al placebo ( -2.07 vs -1.24, P inferiore a 0.001 ).

Allo stesso modo, i punteggi dei sintomi, secondo valutazione del paziente, sono diminuiti in modo significativo nel gruppo 3 mg ( -1.05 vs -0.80 ), così come l'impatto dei sintomi sulla qualità di vita, riferito dal paziente ( -1.03 vs -0.76, P inferiore a 0.001 per entrambi ).

La diarrea è stata riportata nel 1.3% dei pazienti nel gruppo placebo e nel 5.5%, 8.4% e 9.7% dei gruppi, rispettivamente, 0.3, 1 e 3 mg.

Le interruzioni del trattamento a causa di diarrea sono state osservate nello 0.4% del gruppo placebo e nello 0.8%, 3.4% e 3% dei gruppi Plecanatide.

Gli eventi avversi gravi come riacutizzazioni di ipertensione e dolore toracico sono stati riportati in meno dell'1% nel gruppo Plecanatide, e sono stati considerati non-correlati al trattamento. ( Xagena2013 )

Fonte: Digestive Disease Week, 2013

Gastro2013 Farma2013



Indietro