Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Alimentazione con sondino naso-enterico precoce o a richiesta nella pancreatite acuta


La nutrizione enterale precoce attraverso un catetere di alimentazione naso-enterico è spesso usata in pazienti con pancreatite acuta grave per prevenire infezioni di origine intestinale, ma le prove a sostegno di questa strategia sono limitate.

È stato condotto uno studio multicentrico, randomizzato, che ha confrontato l’alimentazione con sondino naso-enterico precoce con una dieta orale a 72 ore dalla presentazione al Pronto soccorso nei pazienti con pancreatite acuta.

Sono stati arruolati pazienti con pancreatite acuta ad alto rischio di complicanze, sulla base di un punteggio APACHE II ( Acute Physiology and Chronic Health Evaluation II ) di 8 o superiore ( su una scala da 0 a 71, con i punteggi più alti che indicano malattia più grave ), un punteggio Imrie o Glasgow modificato di 3 o superiore ( su una scala da 0 a 8, con i punteggi più alti che indicano malattia più grave ), o un livello di proteina C-reattiva sierica superiore a 150 mg per litro.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale al sondino di alimentazione naso-enterico entro 24 ore dalla randomizzazione ( gruppo precoce ) o a una dieta orale iniziata 72 ore dopo la presentazione ( gruppo a richiesta ), con catetere di alimentazione se la dieta orale non veniva tollerata.

L'endpoint primario era un composito di infezione maggiore ( necrosi pancreatica infetta, batteriemia o polmonite ) o morte durante i 6 mesi di follow-up.

In totale, 208 pazienti sono stati arruolati in 19 ospedali olandesi.

L'endpoint primario si è verificato in 30 pazienti su 101 ( 30% ) nel gruppo precoce e in 28 su 104 ( 27% ) nel gruppo a richiesta ( risk ratio, RR=1.07; P=0.76 ).

Non ci sono state differenze significative tra il gruppo precoce e il gruppo a richiesta nel tasso di infezioni maggiori ( 25% e 26%, rispettivamente; P=0.87 ) o di morte ( 11% e 7%, rispettivamente; P=0.33 ).

Nel gruppo a richiesta, 72 pazienti ( 69% ) hanno tollerato una dieta orale e non hanno richiesto il sondino di alimentazione.

In conclusione, lo studio non ha mostrato la superiorità dell’alimentazione con sondino naso-enterico precoce rispetto a una dieta orale dopo 72 ore nel ridurre il tasso di infezione o morte nei pazienti con pancreatite acuta ad alto rischio di complicanze. ( Xagena2014 )

Bakker OJ et al, N Engl J Med 2014;371:1983-1993

Gastro2014



Indietro