Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione tra antagonisti del TNF-alfa e rischio di cancro nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale


Una revisione e meta-analisi Cochrane ha concluso che non vi è necessità di ulteriori ricerche sugli effetti avversi, tra cui il cancro, dopo il trattamento con antagonisti del fattore di necrosi tumorale alfa ( TNF-alfa ), e che i registri nazionali e i grandi database potrebbero fornire importanti fonti di dati per valutare questi effetti.

Si è cercato di capire se i pazienti con malattia infiammatoria intestinale ( IBD ) esposti ad antagonisti del TNF-alfa siano ad aumentato rischio di sviluppo di tumore mediante uno studio di coorte nazionale basato sui registri della Danimarca nel periodo 1999-2012.

I partecipanti erano 56.146 pazienti di 15 anni o più anziani con malattia infiammatoria intestinale identificati nel Registro Nazionale dei pazienti, di cui 4.553 ( 8.1% ) sono stati esposti ad antagonisti del TNF-alfa.
I casi di cancro sono stati identificati nel Registro dei Tumori Danese.

Sono stati valutati i rate ratio ( RR ) per il cancro incidente ( generale e sito-specifico ) tra utilizzatori e non-utilizzatori di antagonisti del TNF-alfa, aggiustando per età, anno, durata della malattia, punteggi di propensione e uso di altri farmaci per la malattia infiammatoria intestinale.

Durante 489.433 anni-persona di follow-up ( media 9.3 anni ), 81 pazienti su 4.553 esposti ad antagonisti del TNF-alfa ( 1.8% ) ( follow-up medio, 3.7 anni ) e 3.465 pazienti su 51.593 non esposti ( 6.7% ) hanno sviluppato il tumore, con un RR aggiustato di 1.07.

Non c'è stato alcun aumento significativo del rischio di cancro nelle analisi in base al tempo dalla prima esposizione all’antagonista del TNF-alfa ( meno di 1 anno: RR=1.10; da 1 a meno di 2 anni: RR=1.22; da 2 a meno di 5 anni: RR=0.82; da 5 o più anni: RR=1.33 ) e nelle analisi in base al numero di dosi di antagonista del TNF-alfa ricevute ( da 1 a 3 dosi: RR=1.02; 4-7 dosi: RR=0.89; 8 o più dosi: RR=1.29 ).

Nessun tumore sito-specifico è risultato in sensibile eccesso in modelli completamente aggiustati.

In conclusione, in questo studio nazionale danese, l'esposizione ad antagonisti del TNF-alfa tra i pazienti con malattia infiammatoria intestinale non era associata a un aumentato rischio di cancro nel corso di un follow-up medio di 3.7 anni tra i soggetti esposti.
Non può essere escluso un aumento del rischio correlato a dosi accumulate e a più lunghi periodi osservazionali. ( Xagena2014 )

Andersen NN et al, JAMA 2014; 311: 2406-2413

Gastro2014 Farma2014 Onco2014


Indietro