Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione tra potenziale infiammatorio dietetico e rischio di cancro colorettale in uomini e donne


L'infiammazione è importante nello sviluppo del tumore del colon-retto. La dieta modula l'infiammazione e può quindi essere un fattore modificabile cruciale nella prevenzione del cancro del colon-retto.

Si è valutato se le diete proinfiammatorie siano associate a un aumento del rischio di tumore del colon-retto utilizzando un punteggio empirico di tipo infiammatorio alimentare ( EDIP ) basato su una somma ponderata di 18 gruppi alimentari che caratterizza il potenziale infiammatorio dietetico basato sui livelli circolanti di biomarcatori dell'infiammazione.

In uno studio di coorte sono stati coinvolti 46.804 uomini ( Health Professionals Follow-up Study: 1986-2012 ) e 74.246 donne ( Nurses’ Health Study: 1984-2012 ) seguiti per 26 anni per esaminare le associazioni tra punteggio EDIP e rischio di cancro colorettale.
Sono state esaminate le associazioni anche in categorie di assunzione di alcol e peso corporeo.
I punteggi EDIP sono stati calcolati mediante questionari di frequenza alimentare somministrati ogni 4 anni.

Sono stati documentati 2.699 casi di tumore del colon e del retto incidente in 2.571.831 anni-persona di follow-up.

Rispetto ai partecipanti nel quintile EDIP più basso che avevano un tasso di incidenza del tumore del colon-retto ( per 100.000 anni-persona ) di 113 ( uomini ) e 80 ( donne ), quelli nel quintile più alto avevano un tasso di incidenza di 151 ( uomini ) e 92 ( donne ), portando a una differenza di tasso non-aggiustata di 38 e 12 casi di carcinoma del colon-retto, rispettivamente, tra coloro che consumavano diete altamente proinfiammatorie.

Confrontando i partecipanti nei quintile più alto e più basso di EDIP in analisi aggiustate multivariabili, i punteggi EDIP più alti sono stati associati a un rischio più alto del 44% ( uomini: hazard ratio, HR=1.44, P minore di 0.001 per trend ), 22% ( donne: HR=1.22, P=0.007 per trend ) e 32% ( uomini e donne: HR raggruppato, 1.32, P minore di 0.001 per trend ) di sviluppare il carcinoma colorettale.

Sia negli uomini che nelle donne, sono state osservate associazioni in tutti i siti secondari anatomici ad eccezione del retto nelle donne.
Nei sottogruppi ( P minore o uguale a 0.02 per tutte le interazioni ), le associazioni differivano per livello di assunzione di alcol, con associazioni più forti tra gli uomini (quintili, Q5 vs Q1; HR=1.62, P=0.002 per trend ) e le donne ( Q5 vs Q1; HR=1.33, P=0.03 per trend ) che non consumavano alcol; e per peso corporeo, con associazioni più forti tra uomini sovrappeso / obesi ( Q5 vs Q1 HR=1.48; P=0.008 per trend ) e donne magre ( Q5 vs Q1; HR=1.31; P=0.01 per trend ).

In conclusione, i risultati suggeriscono che l'infiammazione è un potenziale meccanismo che collega modelli dietetici e sviluppo del cancro del colon-retto.
Gli interventi per ridurre il ruolo avverso delle diete proinfiammatorie possono essere più efficaci tra gli uomini in sovrappeso / obesi e le donne magre o uomini e donne che non consumano alcol. ( Xagena2018 )

Tabung FK et al, JAMA Oncol 2018; 4: 366-373

Onco2018 Gastro2018



Indietro