Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Capecitabina versus S-1 come chemioterapia adiuvante per i pazienti con carcinoma colorettale in stadio III


La chemioterapia adiuvante con fluoropirimidina orale da sola dopo la dissezione linfonodale D3/D2 migliora la sopravvivenza libera da malattia e la sopravvivenza globale nei pazienti con carcinoma del colon in stadio III.
S-1 ( una combinazione di Tegafur, Gimeracil, e Oteracil ) adiuvante ha dimostrato di essere non-inferiore a Uracile e Tegafur più Leucovorina in termini di sopravvivenza libera da malattia.
Si è cercato di confermare la non-inferiorità di S-1 rispetto a Capecitabina ( Xeloda ) come trattamento adiuvante nei pazienti con tumore del colon-retto in stadio III.

È stato condotto uno studio di fase III, multicentrico, in aperto, di non-inferiorità, randomizzato, in 56 Centri giapponesi per valutare la non-inferiorità di S-1 rispetto alla Capecitabina come chemioterapia adiuvante.
I pazienti eleggibili erano di età compresa tra 20 e 80 anni con adenocarcinoma colorettale in stadio III, definito dalla presenza di un margine inferiore del tumore primario al di sopra del riflesso peritoneale; resezione R0; e colectomia con dissezione linfonodale D3 o D2.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 8 cicli di Capecitabina ( 1.250 mg/m2 per via orale due volte al giorno, giorni 1-14, ogni 21 giorni ) o quattro cicli di S-1 ( 40 mg/m2 per via orale due volte al giorno, giorni 1-28, ogni 42 giorni ), aggiustando per Centro, posizione del tumore ( colon versus zona rettosigmoidea e retto superiore ), numero metastasi linfonodali positive ( inferiore o uguale a 3 versus maggiore o uguale a 4 ) e tecnica chirurgica ( convenzionale versus isolamento no-touch ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da malattia con un margine di non-inferiorità per l’hazard ratio ( HR ) fissato a 1.24.

Tra il 2010 e il 2013, 1.564 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Capecitabina ( n=782 ) o S-1 ( n=782 ), tutti inclusi nell'analisi di efficacia; 777 pazienti nel gruppo Capecitabina e 768 nel gruppo S-1 sono stati inclusi nell'analisi di sicurezza.

Al secondo esame intermedio prespecificato dopo il reclutamento finale, sono stati segnalati 258 su 535 ( 48% ) eventi richiesti e il Comitato di monitoraggio dei dati e della sicurezza ha raccomandato una pubblicazione anticipata perché S-1 non ha mostrato la non-inferiorità rispetto a Capecitabina per la sopravvivenza libera da malattia.

Con un follow-up mediano di 23.7 mesi, la sopravvivenza libera da malattia a 3 anni è stata dell'82% per il gruppo Capecitabina e del 77.9% per il gruppo S-1 ( HR=1.23; P di non-inferiorità unilaterale=0.46 ).

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore più frequenti nel gruppo Capecitabina sono stati reazioni cutanee mano-piede ( 123 su 777 pazienti, 16% ) e nel gruppo S-1 sono stati diarrea ( 64 su 768 pazienti, 8% ) e neutropenia ( 61, 8% ).

C'è stato un decesso ( inferiore a 1% ) correlato al trattamento in ciascun gruppo.

Capecitabina adiuvante rimane uno dei trattamenti standard per il carcinoma colorettale in stadio III in Giappone; S-1 non è raccomandato. ( Xagena2018 )

Hamaguchi T et al, Lancet Gastroenterol Hepatol 2018; 3: 47-56

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro