Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Chemioterapia di combinazione a dose ridotta con S-1 più Oxaliplatino rispetto alla monoterapia a dose completa con S-1 nei pazienti anziani vulnerabili con tumore del colon-retto metastatico: studio NORDIC9


Pazienti anziani o vulnerabili con carcinoma del colon-retto metastatico raramente sono inclusi in studi randomizzati.
Lo studio multicentrico NORDIC9 ha valutato la chemioterapia di combinazione a dose ridotta rispetto alla monoterapia a dose completa in pazienti anziani e vulnerabili.

Questo studio randomizzato di fase 2 in aperto è stato condotto in 23 cliniche oncologiche e ha incluso pazienti di età pari o superiore a 70 anni con tumore colorettale metastatico precedentemente non-trattato che non erano candidati alla chemioterapia di combinazione a dose completa.

I pazienti sono stati randomizzati alla somministrazione dell'intera dose di S-1 ( 30 mg/m2 per via orale due volte al giorno nei giorni 1–14 ogni 3 settimane ) seguita da un trattamento di seconda linea alla progressione con Irinotecan ( 250 mg/m2 per via endovenosa il giorno 1 ogni 3 settimane o 180 mg/m2 per via endovenosa il giorno 1 ogni 2 settimane ) o chemioterapia di combinazione a dose ridotta con S-1 ( 20 mg/m2 per via orale due volte al giorno nei giorni 1–14 ) e Oxaliplatino ( 100 mg/m2 per via endovenosa il giorno 1 ogni 3 settimane ) seguito da trattamento di seconda linea alla progressione con S-1 ( 20 mg/m2 per via orale due volte al giorno nei giorni 1– 14 ) e Irinotecan ( 180 mg/m2 per via endovenosa il giorno 1 ogni 3 settimane ).

L'uso di Bevacizumab ( 7.5 mg/kg per via endovenosa il giorno 1 di ciascun ciclo ) era facoltativo.
La randomizzazione è stata stratificata per centro e Bevacizumab.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Dal 2015 al 2017, 160 pazienti con un'età media di 78 anni sono stati assegnati in modo casuale a monoterapia a dose intera ( n=83 ) o chemioterapia di combinazione a dose ridotta ( n=77 ).

Al cut-off dei dati ( nel 2018; follow-up mediano 23.8 mesi ), 81 pazienti ( 98% ) nel gruppo in monoterapia a dose piena e 71 pazienti ( 92% ) nel gruppo di combinazione a dose ridotta era progredito o deceduto.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è risultata significativamente più lunga con la chemioterapia di combinazione a dose ridotta ( 6.2 mesi ) rispetto alla monoterapia a dose completa ( 5.3 mesi; hazard ratio, HR 0.72; P=0.047 ).

La tossicità è stata valutata in 157 pazienti che hanno ricevuto il trattamento.

Significativamente più pazienti nel gruppo in monoterapia a dose piena ( 51 su 82 pazienti, 62% ) hanno manifestato almeno un evento avverso di grado 3-4 rispetto al gruppo di combinazione a dose ridotta ( 32 su 75 pazienti, 43%; P=0.014 ).
Diarrea di grado 3-4 ( 12, 15%, vs 2, 3%; P=0.018 ), affaticamento ( 10, 12%, vs 3, 4%; P=0.083 ) e disidratazione ( 5, 6%, vs nessuno; P=0.060 ) sono state più frequenti nel gruppo in monoterapia a dose intera rispetto al gruppo di combinazione a dose ridotta.

Decessi correlati al trattamento si sono verificati in 3 pazienti durante il trattamento di prima linea e 3 pazienti durante il trattamento di seconda linea ( 2 nel gruppo monoterapico a dose piena rispetto a 1 nel gruppo di combinazione a dose ridotta in entrambi i casi ).

La chemioterapia di combinazione a dose ridotta con S-1 e Oxaliplatino per i pazienti più anziani e vulnerabili con carcinoma del colon-retto metastatico è stata più efficace e ha comportato meno tossicità rispetto alla monoterapia a dose completa con S-1.
La chemioterapia di combinazione a dose ridotta potrebbe essere un trattamento preferito per questa popolazione. ( Xagena2019 )

Braendegaard Winther S et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2019; 4: 376-388

Gastro2019 Farma2019


Indietro