Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Farmaci anti-TNF associati a un aumentato rischio di malattia infiammatoria intestinale


I pazienti con malattia autoimmune trattati con agenti anti-TNF-alfa ( fattore di necrosi tumorale alfa ) presentano una probabilità due volte maggiore di sviluppare la malattia di Crohn o la colite ulcerosa, rispetto ai pazienti non esposti a questi farmaci.

Questa analisi è il primo studio a dimostrare, in una coorte basata sulla popolazione, che esiste un aumentato rischio di sviluppo della malattia infiammatoria intestinale ( IBD ) de novo tra i soggetti esposti a uno specifico farmaco anti-TNF-alfa utilizzato per il trattamento di altre condizioni non-gastroenterologiche, condizioni reumatologiche.

Utilizzando i dati del Registro sanitario nazionale danese, i ricercatori hanno identificato 17.018 pazienti con una diagnosi di malattia autoimmune per la quale era stato prescritto un anti-TNF-alfa nel periodo1994-2017.
Il periodo di osservazione è continuato per 3 mesi dopo l'ultima iniezione anti-TNF-alfa.
Questi pazienti sono stati confrontati con 63.308 pazienti con malattia autoimmune, diagnosticati durante lo stesso periodo di tempo, che non avevano ricevuto farmaci anti-TNF-alfa.

Etanercept ( Enbrel ), Infliximab ( Remicade ) e Adalimumab ( Humira ) erano gli agenti anti-TNF-alfa più comuni utilizzati, e oltre il 50% dei pazienti nel gruppo anti-TNF-alfa è stato esposto a due o più agenti durante il periodo di studio.

E' stato osservato che i pazienti trattati con Etanercept avevano una probabilità doppia di avere diagnosi di malattia di Crohn de novo ( rapporto di rischio aggiustato [ aHR ] 2.0; intervallo di confidenza al 95% [ IC ], 1.4-2.8 ), mentre i valori aHR per Infliximab e Adalimumab sono stati, rispettivamente, pari a 1.3 ( IC 95%, 0.8-2.2 ) e 1.2 ( IC 95%, 0.8-1.8 ).

Inoltre, è stato anche riscontrato che i pazienti trattati con Etanercept presentavano il doppio delle probabilità di avere diagnosi di colite ulcerosa de novo ( aHR=2.0; IC al 95%, 1.5-2.8 ).
Non è stato riscontrato un aumento significativo del rischio associato a Infliximab ( aHR=1.0; IC al 95%, 0.6-1.6 ) o ad Adalimumab ( aHR=0.6; IC al 95%, 0.3-1.0 ).

La maggior parte dei pazienti inclusi nello studio ( 56.6% ) aveva diagnosi di artrite reumatoide; la parte rimanente soffriva di psoriasi o di artrite psoriasica.

Lo sviluppo di altre malattie autoimmuni mentre gli individui sono in cura con un farmaco anti-TNF è ben riconosciuto per malattie come la psoriasi e il lupus eritematoso indotto da farmaci.
Questo fenomeno non era riconosciuto per la malattia di Crohn o la colite ulcerosa.

Il legame tra farmaci anti-TNF e lo sviluppo della malattia autoimmune de novo è complesso e richiede ulteriori indagini. ( Xagena2019 )

Fonte: Alimentary Pharmacology and Therapeutics, 2019

Reuma2019 Gastro2019 Farma2019


Indietro