Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

I farmaci antinfiammatori e le statine riducono il rischio di progressione nei pazienti con esofago di Barrett


L’uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) e/o statine riduce il rischio di progressione neoplastica nei pazienti con esofago di Barrett.

L’esofago di Barrett è una condizione premaligna, in cui i pazienti presentano un aumentato rischio di sviluppare adenocarcinoma del esofago con una incidenza annuale stimata dello 0.5%.
Nonostante la sorveglianza endoscopica, l’incidenza di esofago di Barrett e di adenocarcinoma esofageo è in rapida crescita.

Poiché sono note le proprietà chemio preventive delle statine e dei FANS, uno studio ha valutato se questi farmaci fossero in grado di ridurre il rischio di progressione neoplastica nei pazienti con esofago di Barrett.

Dei 573 pazienti presi in esame, 35 con storia di displasia ad alto grado e adenocarcinoma esofageo sono stati esclusi.
I pazienti sono stati seguiti secondo le linee guida dell’American College of Gastroenterology ( ACG ).

Il preriodo di follow-up medio è stato di 4.5 anni di follow up.

L’età avanzata, l’esofago di Barret a segmento lungo e displasia di basso grado sono stati associati ad aumento del rischio di sviluppare displasia in forma grave o adenocarcinoma.

L’hazard ratio ( HR ) era di 1.04 per l’età, 1.14 per l’esofago di Barrett a segmento lungo e 5.11 per la displasia di basso grado.

I dati riguardanti i farmaci sono stati utilizzati per valutare la correlazione con lo sviluppo di progressione neoplastica.
I farmaci impiegati comprendevano: FANS nel 56% ( durata media: 0.2 anni ), Acido Acetilsalicilico a basso dosaggio nel 28% ( 5.4 anni ) e statine nel 37% ( 5.3 anni ).
Dei pazienti che hanno mostrato una progressione neoplastica, il 39% aveva assunto i FANS, il 21% Acido Acetilsalicilico e il 24% statine.

L’uso dei FANS era correlato a una significativa riduzione del rischio di progressione neoplastica ( HR=0.47 ).
Quando sono stati presi in considerazione gli inibitori selettivi per COX-2 ( 15% ) e i FANS non-selettivi ( 51% ), è stato osservato che questi benefici derivavano generalmente dall’uso dei FANS non-selettivi ( HR=0.43 ).

La valutazione della relazione durata-risposta ha mostrato che questi benefici diventavano significativi con l’uso dei FANS superiore a 2 mesi ( HR=0,32 ).
Nessun beneficio significativo sullo sviluppo della progressione neoplastica è stato riscontrato dalla assunzione di Acido Acetilsalicilico ( HR=0.66 ).

L’uso di statine ha prodotto una significativa riduzione della progressione del rischio neoplastico ( HR=0.46 ).

L’uso combinato di FANS e statine ( 19% dei pazienti ) ha mostrato un beneficio addizionale rispetto ai singoli farmaci ( HR=0.22 ). ( Xagena2011 )

Fonte: 19th United European Gastroenterology Week ( UEGW ), 2011

Gastro2011 Onco2011 Farma2011


Indietro