Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

I pazienti con malattia infiammatoria intestinale presentano una migliore sopravvivenza quando affetti da carcinoma a cellule renali


La terapia immunosoppressiva può influire sul rischio di cancro nella malattia infiammatoria intestinale ( IBD ). Dati specifici sul cancro riguardanti il rischio e gli esiti sono scarsi e mancano anche i dati per il carcinoma a cellule renali ( RCC ).

Sono stati identificati i fattori di rischio per lo sviluppo di tumore a cellule renali nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale e sono state confrontate le caratteristiche del carcinoma a cellule renali, gli esiti e la sopravvivenza tra i pazienti con malattia infiammatoria intestinale e la popolazione in generale.

È stata compiuta una ricerca nel Registro PALGA ( Dutch Pathology Registry ) con l’obiettivo di individuare un gruppo di pazienti con malattia infiammatoria intestinale e carcinoma a cellule renali incidente nei Paesi Bassi nel periodo 1991-2013.
I casi sono stati confrontati con due gruppi separati di controllo: una coorte di soggetti con malattia infiammatoria intestinale basata sulla popolazione per l'identificazione dei fattori di rischio e con una coorte carcinoma a cellule renali dalla popolazione generale per confrontare le caratteristiche del tumore e gli esiti.

Sono stati identificati 180 pazienti con malattia infiammatoria intestinale e con carcinoma a cellule renali.
Sono stati identificati come fattori di rischio indipendenti per lo sviluppo di carcinoma renale la pancolite ( odds ratio, OR=1.8-2.5 ), la malattia di Crohn penetrante ( OR=2.8 ), la chirurgia correlata a malattia infiammatoria intestinale ( OR=3.7-4.5 ), il sesso maschile ( OR=3.2-5.0 ) e l’età anziana all’esordio della malattia infiammatoria intestinale ( OR=1.0-1.1 ).

I pazienti con malattia infiammatoria intestinale avevano una significativamente più giovane età alla diagnosi di carcinoma a cellule renali ( P minore di 0.001 ), categoria di grado inferiore a N ( P=0.025 ), categoria di grado inferiore a M ( P=0.020 ), e si erano sottoposti più frequentemente a un trattamento chirurgico per carcinoma a cellule renali ( P minore di 0.001 ) rispetto alla popolazione in generale.
Ciò si è tradotto in una migliore sopravvivenza ( P=0.026; HR=0.7 ) indipendentemente dall’immunosoppressione.

In conclusione, i pazienti con malattia infiammatoria intestinale con un fenotipo complesso sono a maggiore rischio di sviluppare carcinoma renale.
Sono diagnosticati con carcinoma a cellule renali in più giovane età e in una fase più precoce di malattia rispetto alla popolazione generale. Questo si traduce in una migliore sopravvivenza indipendentemente dalla terapia immunosoppressiva o anti-TNF-alfa. ( Xagena2015 )

Derikx LA et al, Oncotarget 2015; 6: 38336-38347

Gastro2015 Onco2015 Nefro2015



Indietro