Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Infezione gastrointestinale e rischio di disordini funzionali gastrointestinali in una popolazione sana adulta


I disordini funzionali gastrointestinali sono riconosciuti come conseguenza della gastroenterite infettiva.
All'interno della popolazione militare, in un gruppo con noti alti tassi di gastroenterite infettiva, sono scarsamente definite l'incidenza basata sulla popolazione, i fattori di rischio, e i costi di pertinenza delle cure riconducibili a disordini funzionali gastrointestinali dopo gastroenterite infettiva.

Utilizzando i dati di visite mediche ( 1999-2007 ) su militari USA in servizio, è stato svolto uno studio abbinato caso-controllo per descrivere le determinanti epidemiologiche e il rischio di disordini funzionali gastrointestinali ( sindrome da intestino irritabile, stipsi funzionale, diarrea funzionale, dispepsia ).

Un totale di 31.866 casi di disordini funzionali gastrointestinali identificati sono stati distribuiti come segue: stipsi funzionale 55% ( n=17.538 ), dispepsia 21.2% ( n=6.750 ), diarrea funzionale 2.1% ( n=674 ), sindrome da intestino irritabile 28.5% ( n=9.091 ).

Precedenti episodi di gastroenterite infettiva sono stati distribuiti come segue: patogena batterica specifica ( n=65, 1.2 % ), batterica, senza un patogeno specifico ( n=2155, 38.9 % ), protozoaria ( n=38, 0.7 % ), virale ( n=3.431, 61.9 % ).

È stata osservata una significativa associazione tra gastroenterite infettiva e tutte le forme di disordini funzionali gastrointestinali ( odds ratio, OR=2.64, P inferiore a 0.001 ), con un più alto rischio di diarrea funzionale ( OR=6.28, P inferiore a 0.001 ) e sindrome da intestino irritabile ( OR=3.72, P inferiore a 0.001 ), e rischio moderato per stipsi funzionale ( OR=2.15, P inferiore a 0.001 ) e dispepsia ( OR=2.39, P inferiore a 0.001 ).

I fattori di rischio generalmente aumentavano con la vicinanza temporale e l'eziologia batterica, dell'esposizione.

La durata della cura correlata a disordini funzionali gastrointestinali è stata prolungata con il 22.7%dei pazienti con disordini funzionali gastrointestinali alle visite mediche 5 anni dopo la diagnosi.

In conclusione, i disordini funzionali gastrointestinali sono comuni in questa popolazione ad alto rischio di gastroenterite infettiva.
Quando si considerano contromisure efficaci e strategie di attenuazione, è necessario rivolgere l'attenzione alla prevenzione, nonché alle conseguenze acute e croniche di queste infezioni. ( Xagena2011 )

Porter CK et al, Am J Grastoenterol 2011; 106: 130-138


Gastro2011 Inf2011



Indietro