Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

L’esofago di Barrett comporta un più basso rischio di malignità rispetto a quanto stimato in precedenza


I pazienti con esofago di Barrett possono avere un minor rischio di cancro esofageo di quanto precedentemente riferito.

L'esofago di Barrett è una condizione premaligna, e ai pazienti che ne soffrono viene spesso consigliato di fare endoscopie regolari per identificare i segni di adenocarcinoma esofageo, il tipo più comune di cancro dell’esofago in molte parti del mondo.
Ma non è stato chiarito quanto spesso l’esofago di Barrett progredisce verso il cancro. Le stime del tasso di progressione variano ampiamente.

In uno studio della Queens University a Belfast ( Irlanda ) sono stati seguiti in modo prospettico 8.522 pazienti nel registro Northern Ireland Barrett’s Esophagus, uno dei più grandi registri nel mondo di persone con tale condizione.

Dopo un follow-up medio di 7 anni, 79 pazienti sono stati diagnosticati con cancro esofageo, 16 con cancro del cardias ( la parte dello stomaco vicino all'esofago ) e 36 con modificazioni precancerose note come displasia di alto grado.

In tutto il gruppo, l'incidenza di queste tre condizioni combinate era pari a 0.22% all'anno.
Studi precedenti avevano riportato un’incidenza di cancro tra le persone con esofago di Barrett tra 0.58 e 3% all'anno.

È stata anche esaminata l'incidenza di cancro e displasia di alto grado in diversi sottogruppi di pazienti.
Gli uomini avevano una probabilità significativamente maggiore di progredire verso la malignità rispetto alle donne, e le persone di età tra 60 e 69 anni avevano un rischio più elevato rispetto a quelli sotto i 50 anni o quelli di 80 anni e oltre.
I più alti tassi di progressione sono stati trovati tra i pazienti con displasia di basso grado ( 1.40% ) o metaplasia intestinale specializzata ( 0.38% ) alla loro prima endoscopia e biopsia.

Il rischio che l’esofago di Barrett progredisca a cancro esofageo è inferiore a quanto precedentemente riportato e questa scoperta ha implicazioni per la pratica clinica.

Le attuali raccomandazioni per la sorveglianza si basano su stime più elevate di rischio di cancro tra i pazienti con esofago di Barrett rispetto a quelli osservati in questo studio e, pertanto, non sono giustificate.

In un editoriale di accompagnamento, ricercatori del Kaiser Permanente a Oakland ( Stati Uniti ), hanno osservato che lo studio fornisce una delle prime stime di incidenza di cancro esofageo in soggetti con esofago di Barrett da una popolazione di grandi dimensioni.

Dallo studio è emerso, ad esempio, che le persone senza metaplasia intestinale specializzata hanno un rischio relativamente basso e hanno meno probabilità di beneficiare della sorveglianza o del trattamento mentre quelli con metaplasia intestinale presentano un maggiore rischio. ( Xagena2011 )

Fonte: Journal of the National Cancer Institute, 2011


Onco2011



Indietro