Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Malattia infiammatoria intestinale: la terapia anti-TNF può essere interrotta in modo sicuro prima del terzo trimestre


La terapia anti-TNF ( fattore di necrosi tumorale ) nelle donne in gravidanza con malattia infiammatoria intestinale ( IBD ) può essere interrotta prima della settimana 30 di gestazione senza aumentare il rischio di ricaduta o danneggiare il feto.

I dati relativi al rischio di ricaduta nei pazienti che interrompono il farmaco anti-TNF durante la gravidanza sono molto scarsi e contrastanti.

L'American Gastroenterological Association ( AGA ) raccomanda un trattamento anti-TNF per tutta la gravidanza o il terzo trimestre nelle donne con malattia infiammatoria intestinale, mentre le linee guida European Crohn's and Colitis Organization ( ECCO ) raccomandano di interrompere Infliximab e Adalimumab nel secondo trimestre per le donne in remissione per minimizzare l'esposizione fetale.

I ricercatori del Aarhus University Hospital in Danimarca, hanno coordinato uno studio che ha valutato il rischio di ricaduta prima del parto nelle donne che hanno interrotto il trattamento anti-TNF prima della settimana gestazionale 30, i predittori di riduzione del peso alla nascita, e i tassi e la soddisfazione del counseling su 153 donne in gravidanza, affette da malattia infiammatoria intestinale.

Tra le 120 donne in remissione durante il primo e il secondo trimestre, i tassi di recidiva non differivano significativamente tra le donne che hanno interrotto il trattamento anti-TNF prima della settimana gestazionale 30 ( 1/46, 2% ) e quelle che hanno continuato il trattamento ( 8/74, 11%; P = 0.08 ).

I tassi di parto pretermine, neonato piccolo per l'età gestazionale, basso peso alla nascita ( inferiore a 2.500 g ), Apgar inferiore a 7 e di malformazioni congenite erano bassi e non differivano significativamente tra i bambini nei due gruppi.

Il peso medio alla nascita era significativamente più basso in quelli nati da madri che hanno continuato il trattamento anti-TNF oltre la settimana gestazionale 30 ( 3.282 g ) rispetto a quelli nati da madri che hanno interrotto il trattamento anti-TNF prima della settimana gestazionale 30 ( 3.505 g, P = 0.0005 ).

La maggior parte delle donne ( 88% ) ha ricevuto consulenza in merito al trattamento con terapia biologica durante la gravidanza e la maggior parte ha espresso soddisfazione per le informazioni ottenute, indipendentemente dal rischio di recidiva.

Il trattamento anti-TNF durante la gravidanza sembra sicuro a breve termine.
Tuttavia, solo pochissimi studi hanno valutato lo sviluppo, il rischio di infezioni e le malattie maligne a 4-5 anni del bambino dopo l'esposizione in utero.
Non sono stati pubblicati studi sulla sicurezza a lungo termine.

In questo studio prospettico è stato mostrato che l'interruzione prima della settimana gestazionale 30 può essere effettuata senza aumentare il rischio di recidiva nel terzo trimestre nelle donne che erano in remissione durante il primo e il secondo trimestre. ( Xagena2019 )

Fonte: Inflammatory Bowel Diseases, 2019

Gyne2019 Gastro2019 Farma2019


Indietro