Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Necrosectomia endoscopica transgastrica versus chirurgica per la pancreatite necrotizzante infetta


Moli pazienti con pancreatite necrotizzante infetta necessitano di necrosectomia.

La necrosectomia chirurgica induce una risposta pro-infiammatoria ed è associata a un alto tasso di complicazioni.

La necrosectomia endoscopica transgastrica, una forma di chirurgia endoscopica transluminale attraverso l’orifizio naturale, potrebbe ridurre la risposta pro-infiammatoria e ridurre le complicazioni.

È stato condotto uno studio per confrontare la risposta pro-infiammatoria e l’esito clinico della necrosectomia transgastrica e chirurgica.

Lo studio clinico randomizzato e controllato, in cieco per il valutatore, è stato condotto in 3 ospedali accademici e in 1 ospedale regionale in Olanda nel periodo 2008-2010.

I pazienti mostravano segni di pancreatite necrotizzante infetta; avevano una indicazione per l’intervento e sono stati assegnati in maniera casuale a necrosectomia endoscopica transgastrica o necrosectomia chirurgica.

La necrosectomia endoscopica consisteva in puntura transgastrica, dilatazione del palloncino, drenaggio retroperitoneale e necrosectomia; quella chirurgica prevedeva rimozione retroperitoneale video-assistita dei tessuti o, se non attuabile, laparotomia.

L’endpoint primario era la risposta pro-infiammatoria post-procedurale misurata in base ai livelli sierici di interleuchina 6 ( IL-6 ).
Gli endpoint clinici secondari includevano un endpoint composito predefinito di complicazioni maggiori ( nuova insorgenza di insufficienza multiorgano, sanguinamento intra-addominale, fistola enterocutanea o pancreatica ) o decesso.

Nello studio sono stati randomizzati 22 pazienti, 2 dei quali non sono stati sottoposti a necrosectomia dopo catetere di drenaggio percutaneo e non sono risultati valutabili per l’endpoint primario.

La necrosectomia endoscopica transgastrica ha ridotto i livelli postprocedurali di IL-6 rispetto all’intervento chirurgico ( P=0.004 ).

L’endpoint clinico composito si è manifestato con minore frequenza dopo necrosectomia endoscopica ( 20% vs 80%; differenza di rischio, RD=0.60; P=0.03 ).

La necrosectomia endoscopica non ha causato nuova insorgenza di insufficienza multiorgano ( 0% vs 50%, RD=0.50; P=0.03 ) e ha ridotto il numero di fistole pancreatiche ( 10% vs 70%; RD, 0.60; P=0.02 ).

In conclusione, nei pazienti con pancreatite necrotizzante infetta, la necrosectomia endoscopica ha ridotto la risposta proinfiammatoria e l’endpoint clinico composito rispetto alla necrosectomia chirurgica. ( Xagena2012 )

Bakker OJ et al, JAMA 2012; 307: 1053-1061

Gastro2012 Chiru2012



Indietro