Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Valutazione della guarigione della mucosa dell'intestino tenue mediante endoscopia con videocapsula per la previsione del rischio a breve e lungo termine di riacutizzazione della malattia di Crohn


La strategia di monitoraggio ottimale per prevedere il decorso della malattia nella malattia di Crohn rimane indefinita.
Sono state valutate l'accuratezza, la sicurezza e la tollerabilità di una strategia di monitoraggio intensivo progettata per prevedere il futuro decorso della malattia di Crohn nei pazienti con malattia quiescente.

In uno studio prospettico di coorte osservazionale, sono stati reclutati pazienti di età superiore ai 18 anni con quiescenza per 3-24 mesi della malattia di Crohn che coinvolge il piccolo intestino, con pervietà di intestino tenue confermata da tre Centri medici in Israele.
I pazienti arruolati sono stati sottoposti a enterografia con risonanza magnetica ( MRE; entero-RM ) al basale e test di pervietà con capsula, valutazione clinica o dei biomarcatori ogni 3 mesi ed endoscopia con videocapsula ( VCE ) al basale e ogni 6 mesi per 2 anni o fino a una riacutizzazione clinica ( l'esito primario, definito come un aumento dell'indice di attività della malattia di Crohn di 70 punti o più ) o un peggioramento della malattia che richiedeva una intensificazione del trattamento.

È stata valutata la capacità dei diversi metodi di monitoraggio della malattia di Crohn utilizzati per prevedere l'insorgenza di una riacutizzazione durante il periodo di follow-up di 24 mesi.

Dei 90 pazienti sottoposti a screening, 29 sono stati esclusi, 17 dei quali a causa dell'intestino tenue non-pervio.
Dei 61 pazienti arruolati tra il 2013 e il 2015, 17 ( 28% ) hanno presentato una riacutizzazione durante il follow-up a 24 mesi.

Nessun parametro clinico-demografico ha previsto una riacutizzazione futura.
Un punteggio di Lewis per l'endoscopia VCE al basale di 350 o più ha identificato pazienti con riacutizzazioni future ( area sotto la curva, AUC 0.79; P minore di 0.0001; hazard ratio, HR=10.7 ).

La proteina C-reattiva al basale aveva una AUC di 0.73 ( P=0.0013 ) per la previsione di riacutizzazione.

La AUC della calprotectina fecale al basale per la previsione di riacutizzazione entro 2 anni era 0.62 ( P=0.17 ), ma è progressivamente migliorata per intervalli di tempo più brevi e ha raggiunto una AUC di 0.81 per la previsione della riacutizzazione verificatasi entro 3 mesi.

Su 4 indici basati su enterografia MR, solo il punteggio globale MRE è risultato correlato al rischio di riacutizzazione a 2 anni ( AUC 0.71, P=0.024 ).

Durante il follow-up, un aumento del punteggio di Lewis di 383 punti o più rispetto al basale ha previsto l'esacerbazione della malattia imminente entro 6 mesi ( AUC 0.79, ​​P=0.011 ).

La sicurezza e la tollerabilità delle 231 endoscopie con videocapsula ingerite sono state eccellenti, senza che nessuna sia stata trattenuta.

Nei pazienti con malattia di Crohn quiescente che coinvolge l'intestino tenue, la calprotectina fecale prevede il rischio di riacutizzazione a breve termine, mentre l'endoscopia con videocapsula prevede sia il rischio a breve che a lungo termine di esacerbazione della malattia.
Se confermati da ulteriori studi, i protocolli che incorporano l'endoscopia con videocapsula potrebbero ampliare la portata dei metodi disponibili per monitorare l'attività di malattia e prevedere gli esiti nella malattia di Crohn del piccolo intestino. ( Xagena2019 )

Ben-Horin S et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2019; 4: 519-528

Gastro2019 Diagno2019



Indietro